Pasta fatta a mano : Pasta di Farina (o Semola) di grano duro

La pasta è un alimento importantissimo nella cucina mediterranea. Gli italiani non vi rinunciano per nulla al mondo.

Anche se, in effetti, il termine pare derivi dal greco πάσταpàsta, con il significato di “farina con salsa” (cit. Wikipedia), se ne trovano testimonianze anche tra gli Etruschi e gli Arabi.

La pasta è un alimento sano, semplice da preparare, non necessita di grande lavorazione, ma se preparata con amore e fantasia, può portare tanti frutti e soddisfazioni.

Io e mio marito ci stiamo divertendo proprio tanto a fare la pasta in casa. Ne facciamo circa 1/2 kg a volta e la dividiamo in due tranches, una da cucinare fresca, l’altra da congelare e preparare più avanti.

Se non la volete cuocere subito ma preferite non congelarla, potete sempre mantenerla tranquillamente in frigo per 3-4 giorni.

Quando si parla di pasta fatta in casa, si tende a considerare solo quella all’uovo, che comunque resta un alimento meno adatto ad una cucina quotidiana. Tant’è, infatti, che qualsiasi tipo di pasta preparata con l’aggiunta di ulteriori ingredienti oltre alla farina e l’acqua (uovo, zafferano, pomodoro ecc) è definita Pasta Speciale. Pochi sanno, o intuiscono, invece, che ci si può sbizzarrire anche con la pasta di farina (o semola) di grano duro, esattamente la stessa pasta che si compra al supermercato, con la differenza che la preparate a casa, la mangiate fresca e sopratutto, sapete anche con cosa la preparate (non che ci sia molto da aggiungere ad un alimento così semplice, ma sempre meglio esserne certi preparandola da sé, non trovate?)!

Per ora, io e mio marito abbiamo provato pochi formati: le Farfalle che, insieme alle Orecchiette, sono quelle con una preparazione un po’ più laboriosa ma anche divertente; gli strozzapreti, ed infine i ravioli ripieni, ma questo è un argomento a sé…

Consiglio sempre l’uso, qualora possibile, della farina Il Molino di Chiavazza.

Si può usare indistintamente la Farina o la Semola di Grano Duro, la differenza principale si noterà…nel piatto. Essendo la Farina meno macinata rispetto alla Semola, tende a dare maggior ruvidezza alla pasta, quindi la prima raccoglie meglio il sugo (ed è per questo che la preferisco) ma resta sempre e comunque al dente, la seconda è relativamente più liscia ma si cuoce meglio.

Ingredienti:

  • 300 gr di Farina (Semola) di grano duro;
  • 150 ml di acqua tiepida;
  • un pizzico di sale;

Preparazione:

  • Fare la classica fontana con la farina, aggiungere l’acqua ed il sale (non è obbligatorio aggiungere sale in quanto comunque verrà cotta in acqua salata e si insaporirà in un secondo tempo) ed impastare fino ad ottenere una palla omogenea e liscia.
  • Avvolgere la “palla” in una pellicola trasparente e lasciar riposare per circa 30 minuti in un luogo riparato da correnti e buio (ad esempio nel forno).
  • Trascorso tale periodo, la pasta è pronta per essere lavorata in base al formato che preferite.

Et voilà! La pasta est fait! La volete più facile di così? 🙂

Buon Appetito!

 

Pasta fatta a mano: Pizza!

Noi italiani non viviamo senza pasta e senza pizza, ormai siamo conosciuti a livello mondiale per questo.

E devo dire che mio marito è diventato il mio pizzaiolo preferito, quando prepara la pizza in casa, io ingrasso di 10 kg… non si riesce a dir di no alle sue opere d’arte.

Volete sapere come fa? Ve lo sveliamo proprio oggi!

Ingredienti per impasto (3 o 4 teglie da forno – 7 o 8 pizze tonde circa):

  • Farina 1 kg;
  • Lievito 25 gr;
  • Olio 6 cucchiai;
  • Acqua 600 ml;
  • Zucchero 2 cucchiaini rasi;
  • Sale 15-20 gr;

Preparazione:

Mescolate tutti gli ingredienti e sbriciolatevi il lievito. Lavorate la pasta fino ad ottenere un composto liscio ed elastico. Non abbiate fretta, lavoratela fino ad ottenere il risultato voluto.

Coprite la pasta con una  pellicola trasparente o con un panno e mettetela a riposare 1h e mezza in un luogo riparato e buio (ad esempio il forno di casa).

Successivamente rilavorate la pasta e dividetela in “pagnotte” tante quante pizze volete infornare, quindi ricoprite e lasciate a riposo per un’altra ora.

Togliete dal forno le pizze e preriscaldatelo alla temperatura massima di 250°C.

La pizza va stesa e lavorata in forma tonda o quadrata a seconda della vostra preferenza, la teglia va prima oliata.

Quando il forno è pronto la pizza va ricoperta di salsa di pomodoro e olio se la pizza è a base rossa, o solo olio se è a base bianca e infornata per 10 minuti, quindi condite a vostro piacere e rinfornate per altri 3-4 minuti.

La nostra pizza capricciosa è venuta così:

Pizza Capricciosa fatta in casa

Pizza Capricciosa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il condimento per la pizza in foto è:

  • 2 Fette di Prosciutto Crudo;
  • 1 Uovo Sodo;
  • Olive Toscane;
  • Funghi Trifolati;
  • Mozzarella per Pizza Santa Lucia;
  • Carciofini sott’olio (a gusto personale, io non ce li metto perché mio marito non li ama molto);

E quanto è buona!!!!! SLURP

E buon Appetito!