Salse: Guacamole

Salve a tutti!

Torno in auge con una salsetta piuttosto messicana, prendendo spunto da diverse ricette “Made in Mex”. Il tentativo nasce ovviamente a causa del mio golosissimo ometto, che prima del concerto di Renato Zero ha voluto festeggiare con un “piattino leggero”. Quindi abbiamo provato la cucina messicana dedicandoci (eh si, stavolta è stato di aiuto anche lui) alla creazione di Fajitos di carne con salsa Guacamole. Ecco quindi a voi la prima creaturina, ossia la salsa Guacamole.

Premetto che non tutti potrebbero a prima vista apprezzare questo piatto, in quanto necessita di ingredienti (Avocado in primis) che non sempre vengono amati dai palati italiani. Però, assicuro, se è piaciuto al mio lui, attaccatissimo alle tradizioni italiane, può piacere a chiunque.

La Salsa Guacamole si usa per amalgamare e in qualche modo ammorbidire il sapore forte della carne usata per i Fajitos, ed il sapore delicato si accompagna perfettamente anche con i famosissimi Tacos (per cui prediligo comunque la salsa piccante, che sarà presto una nuova sfida culinaria per la sottoscritta). Ad ogni modo, può essere tenuta da parte per 3-4 giorni.

Ingredienti:

  • 1 Avocado maturo;
  • 1/2 Lime;
  • 1 pomodoro maturo;
  • Peperoncino q.b. (possibilmente i tipici Jalapenos);
  • Aglio e 1/2 cipolla;
  • Coriandolo;
  • Sale e pepe.
  • A SCELTA: 1/2 cetriolo, radicchio.

Preparazione:

La preparazione è veramente semplice. Innanzitutto tagliare a cubetti il pomodoro, tritare quanto più possibile aglio e cipolla, aggiungervi il coriandolo e il peperoncino, quindi spremere il Lime (personalmente non ho aggiunto cetriolo e radicchio, ma voi provateci pure!), e abbondante pepe quindi lasciare il composto da parte.

A questo punto abbiamo due possibilità:

  1. Schiacciare l’intero avocado fino a renderlo quanto più cremoso possibile.
  2. Schiacciare mezzo avocado fino a renderlo quanto più cremoso possibile e tagliare l’altra metà a cubetti, in modo da creare un contrasto al palato.

Io personalmente ho scelto la prima opzione, in quanto credo che i cubetti di avocado (dato il sapore particolare del frutto) in bocca possano essere troppo forti per dei palati “difficili” da convertire a nuovi sapori…

Quindi, una volta schiacciato l’avocado, unirlo al suddetto composto (che prende il nome di “pico de gallo” in spagnolo e di “rooster’s beak” in inglese), salare quanto basta e lasciare a riposo per una ventina di minuti.

Il composto va “spalmato” sulle tortillas di mais che andranno usate per la preparazione delle Fajitas.

Vi posto una foto!

Salsa Guagamole